Giochi

Altri mondi, altre parole PDF

Incisione di Ephraim Moses Lilien, 1915. Lo stesso argomento in dettaglio: Diaspora ebraica, Letteratura altri mondi, altre parole PDF e Talmud.


Författare: Fiorenzo Iuliano.

Personalità tra le più interessanti e singolari del panorama teorico-critico contemporaneo, intellettuale e attivista politica, Gayatri Chakravorty Spivak è una dei protagonisti di quel dibattito che da decenni intreccia studi postcoloniali, femminismo e studi sulla subalternità. La sua produzione si configura come uno sterminato macrotesto che mira a destabilizzare le costruzioni consolidate del sapere e del potere così come sono state trasmesse dalla tradizione dell’occidente coloniale, in modo da fare emergere le faglie interne, le voci rimosse e silenziate, le contraddizioni e i punti più inaspettati di frattura e di crisi. Spivak si confronta con l’eredità della tradizione letteraria e filosofica dell’occidente, con le narrazioni convenzionali e spesso fuorvianti dell’India consegnate dalla storia e dalla storiografia europea e americana, e con la realtà in continuo divenire di un presente non più semplicemente globale, ma, inteso, in senso più lato, come planetario. Il lavoro di Iuliano è una mappatura di quell’opera faticosa e incessante di studiosa e critica letteraria, traduttrice, didatta e attivista politica, attraverso cui Gayatri Spivak traccia i contorni di una nuova figura di intellettuale militante, nel tentativo, arduo e ambizioso, di ridefinire il ruolo e lo spazio degli studi umanistici nel nuovo millennio.

In linea con i comandamenti della Torah, il giudaismo antico era rigorosamente incentrato sulla pratica religiosa e sacrificale presso il Tempio di Gerusalemme. Dio, e ricusano l’asserzione che siano stati divinamente ispirati. Questi studiosi propongono varie teorie sulle origini degli Israeliti e della religione israelita. Secondo l’archeologo Ze’ev Herzog dell’Università di Tel Aviv, il monoteismo, come religione di Stato, è probabilmente “una innovazione del periodo del Regno di Giudea, dopo la distruzione del Regno di Israele”. La Legge orale fu successivamente codificata nella Mishnah e Ghemara, e viene interpretata nella letteratura rabbinica con i dettagli di decisioni e scritti rabbinici successivi.

La letteratura rabbinica si basa sulla convinzione che la Torah non possa essere adeguatamente compresa senza ricorrere alla Legge orale. Dopo la morte di quest’ultimo, e la suddivisione dell’impero alessandrino tra i suoi generali, si formò il Regno seleucida. La cultura ellenistica ebbe un profondo impatto sui costumi e le pratiche ebraiche, sia in Giudea che nella Diaspora. Ci fu un generale deterioramento delle relazioni tra gli ebrei ellenizzati e gli altri ebrei, che costrinse il re seleucide Antioco IV Epifane a vietare alcuni riti religiosi e tradizioni ebraiche. Tuttavia le questioni culturali rimasero irrisolte.