Letterature

Codice dei contratti pubblici PDF

Codice dei contratti pubblici PDF to navigation Jump to search Il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. Per i lavori pubblici è previsto l’obbligo della pianificazione triennale degli interventi, su cui basare poi le procedure di affidamento dei singoli interventi del piano.


Författare: .

Questo volume si rivolge: ad avvocati, amministratori immobiliari, operatori pratici del settore. L’opera è aggiornata con: la L. 26 febbraio 2011, n. 10 (Legge Milleproroghe) di modifica di alcuni termini contenuti nelle norme transitorie del Codice dei contratti pubblici; il D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207, regolamento di esecuzione e di attuazione del Codice dei contratti pubblici; il D.P.R. 2 agosto 2010, n. 150, recante nuove norme sul rilascio delle Informazioni antimafia a seguito degli accessi e accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all’esecuzione di lavori pubblici; il D.L.vo 2 luglio 2010, n. 104, che introduce nel nostro ordinamento il nuovo Codice del processo amministrativo.

Il codice prescrive il possesso di requisiti di partecipazione di natura economica e tecnica, negli appalti pubblici di forniture o servizi, agli articoli 41 e 42. Le pubbliche amministrazioni precisano nel bando di gara i requisiti che devono essere posseduti dal concorrente, nonché gli altri eventuali che ritengono di richiedere. I bilanci o estratti del bilancio non possono essere richiesti a prestatori di servizi o di forniture stabiliti in Stati membri che non prevedono la pubblicazione del bilancio. Il concorrente attesta il possesso dei requisiti relativi ai bilanci o al fatturato mediante dichiarazione sottoscritta in conformità alle disposizioni del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000 n.

La stazione appaltante deve dunque precisare, nel bando di gara o nella lettera d’invito, quali dei suindicati documenti e requisiti devono essere presentati o dimostrati, a seconda della natura, della quantità o dell’importanza e dell’uso delle forniture o dei servizi. Le informazioni richieste non possono eccedere l’oggetto dell’appalto. Si deve, comunque, tener conto dell’esigenza di protezione dei segreti tecnici e commerciali. Gli appena sopracitati requisiti possono essere provati in sede di gara mediante dichiarazione sottoscritta in conformità alle disposizione del decreto del Presidente della Repubblica del 28 dicembre 2000 n. Resta dunque definitivamente esclusa la possibilità di richiedere, sin dalla presentazione delle offerte, certificazioni o attestazioni, ad esempio relative ai servizi o alle forniture eseguiti. Pure il vincolo triennale appare problematico, dato che il Codice prevede la possibilità di provare la propria capacità economica e finanziaria mediante qualsiasi altro documento considerato idoneo dalla stazione appaltante, se il concorrente non è in grado, per giustificati motivi, ivi compreso quello concernente la costituzione o l’inizio dell’attività da meno di tre anni, di presentare le referenze richieste.