Dizionari e opere di consultazione

Come fosse l’ultimo PDF

Robert Louis Stevenson, è uno dei più celebri romanzi per ragazzi di tutti i tempi. Treasure Island fu il primo successo di Stevenson, che ne iniziò la stesura a 30 anni. Scrisse i primi capitoli a Braemar, come fosse l’ultimo PDF highland scozzesi, nel 1881.


Författare: Paolo Magris.

Questo testo teatrale, di bruciante intensità, narra la straordinaria avventura interiore di Carlo Michelstaedter, genio originalissimo del primo Novecento, morto a soli ventitrè anni, filosofo e poeta capace di tracciare, con ineguagliabile forza spirituale ed emotiva, la strada verso un possibile assoluto, da realizzarsi – fuori da ogni luogo comune – attraverso l’esperienza di un “qui e ora” autentico.

Stevenson completò la mappa e iniziò subito a scrivere, leggendo la sua opera ai familiari man mano che completava i primi capitoli. Ciascuno diede un contributo: Lloyd chiese che nella storia non apparissero donne, il padre di Stevenson diede suggerimenti sui contenuti dello scrigno di Billy Bones e su altre scene. In autunno gli Stevenson tornarono alla loro abitazione di Bristol. Lo stesso Stevenson ebbe un periodo particolarmente acuto di un malessere cronico ai bronchi, che lo costrinse ad abbandonare la scrittura del romanzo alla fine del capitolo 15. Nel 1883 fu ripubblicata in forma di libro, ed ebbe un successo immediato sia di pubblico che di critica. Si dice che il primo ministro britannico dichiarò di essere rimasto sveglio fino alle due di notte per finire di leggerla. Non è possibile sottovalutare il contributo di Treasure Island all’immaginario collettivo.

Quindici uomini sulla cassa del morto, io-ho-ho! Il vino e il diavolo hanno fatto il resto, io-ho-ho! Il romanzo è suddiviso in 6 parti per 34 capitoli complessivi: Jim è il narratore in prima persona di tutti, tranne che per i capitoli 16-18 che sono narrati dal dottor Livesey. Il protagonista, nonché voce narrante del romanzo, Jim Hawkins, è un ragazzo di 14 anni che vive con la famiglia in una taverna “Ammiraglio Benbow”, affacciata sul mare in un villaggio nei pressi di Bristol.

La storia narra le avventure seguite al ritrovamento di una vecchia mappa del tesoro da parte di Jim, nel baule del vecchio marinaio di nome Billy Bones, ospite alla locanda gestita dai suoi genitori. James, conosciuto meglio col diminutivo di Jim, è il giovane figlio dei proprietari della locale locanda che s’affaccia al mare. Jim si rende rapidamente conto ch’egli si sta nascondendo da qualcuno, e ch’egli teme in particolar modo d’incontrare un uomo di mare non meglio identificato con una gamba sola. Il ragazzo rimane subito affascinato, ma in parte terrorizzato dall’uomo, un violento ubriacone, soprattutto a partire dal momento in cui, dopo qualche mese dal suo arrivo, un ex compagno di pirateria di Billy si presenta chiedendo sue notizie e parlargli di un affare privato: l’incontro tra i due finisce in un violento scontro. Billy a questo punto viene colto da un malore che presto si rivela essere un infarto. Poco dopo la morte del padre di Jim per una grave malattia, nonostante le costanti cure prodigategli dal dottor Livesey, anche il pirata muore: Jim e la madre aprono il baule – fino ad allora tenuto sempre sotto una strettissima sorveglianza dal vecchio – grazie alla chiave che gli hanno trovato appesa al collo ed al suo interno rinvengono dei dobloni in oro.