Biografie e autobiografie

Gli spiriti dell’aria PDF

Con gli stoici il termine comincia ad essere accostato a quello di spirito. Il pneuma appartiene al dio che dà vita alle cose e le guida secondo i suoi voleri. Il pneuma è una forza che si manifesta non solo gli spiriti dell’aria PDF singolo uomo ma è presente in tutte le cose come “anima del mondo”. Lo spiritus inizia così ad avere connotazioni fisiche e materiali tanto che nella medicina antica e in quella medioevale si parla di spiritus corporeus o animalis inteso come un’essenza materiale che pervade tutto l’organismo umano.


Författare: Kurt Diemberger.

La vita di uno scalatore anomalo e creativo.

Nella teologia medioevale nasce il problema di definire e risolvere il dualismo di corpo ed anima ricorrendo al concetto di spirito. Sant’Agostino in modo deciso aveva affermato la trascendenza dell’anima e la sua superiorità gerarchica rispetto al corpo che tuttavia conserva un aspetto positivo in quanto opera di Dio e non del maligno. Anima est spiritus intellectualis , rationalis, sempre vivens, sempre in motu, bonae, malaeque voluntatis capax. L’anima è spirito intellettuale, razionale, sempre vivente, sempre in movimento, capace di buona e cattiva volontà. Ogni anima è spirito, ma non ogni spirito è anima. Chiamo spirito corporeo l’aria o piuttosto il fuoco che per la sua raffinatezza non è possibile vedere e che risiedendo all’interno dei corpi li fa vivere. Trattato sulle passioni dell’anima di Cartesio che, considerandoli come derivati del sangue portati dalle arterie al cervello, riporta alla fisiologia l’attività psichica umana.

Nel pensiero cristiano tuttavia vengono descritte anche connotazioni solo immateriali dello spirito inteso come il soffio divino che vivifica l’universo materiale: concezione questa ripresa in età rinascimentale da Giordano Bruno. Lo stesso argomento in dettaglio: Antropologia tripartita. Il Dio della pace vi santifichi fino alla perfezione, e tutto quello che è vostro, spirito, anima e corpo, si conservi irreprensibile per la venuta del Signore nostro Gesù Cristo. Lo spirito quindi inteso come anima di Dio e essenza d’origine divina nell’uomo compare nel pensiero di Filone di Alessandria, di Origene e di San Paolo che contrappone la nobiltà dello “spirito” alla bassezza della “carne”.