Letterature

Il bacio della notte PDF

Questa voce o sezione sull’argomento film horror non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti. Jonathan Harker è un giovane agente immobiliare di Wismar, sul Mar Baltico, nella metà dell’Ottocento. Jonathan, dopo un il bacio della notte PDF lungo un mese, ignora anche gli avvertimenti degli zingari e degli abitanti del posto, che si rifiutano di accompagnarlo nei pressi del castello di quel temutissimo personaggio, che loro chiamano vampiro. L’incontro tra il conte e Jonathan, di notte, è già piuttosto inquietante, visto l’aspetto spettrale del conte ed i suoi modi, ma il giovane Harker è più preoccupato dal portare a termine l’affare che dalle storie che girano attorno al suo cliente che, comunque, sembra non fare niente per smentire la sua sinistra fama.


Författare: Sherrilyn Kenyon.

Wulf Tryggvasen è un antico guerriero vichingo che possiede un vantaggioso, ma estremamente irritante, potere amnesico. A causa di questa sua singolarità, nessuno tra quelli che lo incontrano può ricordarsi di lui dopo soli cinque minuti. E questo, se da un lato gli facilita i piacevoli incontri notturni, dall’altro gli rende quasi impossibile costruire una relazione duratura; e senza un vero amore, come ogni Cacciatore oscuro sa bene, non potrà mai rientrare in possesso della sua anima. Una sera, mentre si trova per caso in un club, Wulf si vede costretto a intervenire per salvare dai demoni un’affascinante sconosciuta. Ma il fato non promette nulla di buono. Quando finalmente riesce a conoscere meglio Cassandra Peters, l’unica donna che può ricordarsi di lui, scopre che lei è una principessa Apollite, la razza maledetta a cui Wulf ha giurato di dare la caccia. A ritmo accelerato, i due dovranno affrontare antiche maledizioni, profezie, e l’ingerenza diretta degli dèi greci per trovare, se tutto andrà per il meglio, la vera felicità tanto sognata.

Leggi i primi capitoli (PDF)

Prigioniero del castello, nel cercare una via di fuga Jonathan scopre che il conte passa le giornate a riposare all’interno di una tomba. Una sera da una finestra scorge il conte intento ad adagiare delle bare su un carro, e infilarsi infine dentro una di esse. Jonathan capisce allora che il conte è diretto a Wismar, e decide di calarsi da una finestra per fuggire e tentare di arrivare a Wismar prima di lui. Le bare vengono caricate su un vascello, che arriva a Wismar senza più un uomo dell’equipaggio vivo, e portando la peste in città. Quando Jonathan fa finalmente ritorno a casa, non solo è troppo tardi per mettere in guardia dal pericolo, ma è totalmente stravolto, cambiato al punto da non riconoscere più l’amatissima Lucy. Tra lo scetticismo generale Lucy è fiduciosa di poter sconfiggere il male e far tornare sano suo marito.

Con l’intento di trattenere Dracula fino all’alba, perché così possa essere annientato dalla luce del sole sorgente, Lucy offre il suo collo al vampiro per un’intera notte. Il piano riesce, il conte resta come pietrificato, ma Lucy, dissanguata, soccombe. Prima di coricarsi Lucy aveva preparato una serie di espedienti per tenere sotto controllo il marito, come quello di mettergli al collo un crocefisso e di cospargere il pavimento attorno alla sua sedia di ostie consacrate, ma una volta morta egli si libererà facilmente di questi simboli, lasciando così che sia il suo corpo a ospitare l’anima del “mai estinto” vampiro Nosferatu. Herzog ha affermato di considerare il film di Murnau la pellicola più importante mai prodotta in Germania, e di averlo voluto rifare per stabilire un collegamento tra il grande cinema tedesco del passato e il cosiddetto “nuovo cinema tedesco”, di cui egli è un esponente. Stoker, i cui diritti erano ormai scaduti mentre Murnau per via dei diritti d’autore ancora validi al momento della realizzazione del suo film era stato costretto a cambiarli. Tuttavia, rispetto al romanzo di Bram Stoker, i nomi di Mina e Lucy sono invertiti.