Società

Il cervello in azione PDF

Questa voce o sezione sull’argomento farmacologia non cita le fonti il cervello in azione PDF o quelle presenti sono insufficienti. La somministrazione è quel processo per cui uno xenobiotico raggiunge il sito d’azione a cui esso è destinato. La molecola non entra nel sistema circolatorio, ma esplica la sua azione solo a livello locale. La somministrazione con effetto sistemico prevede invece che lo xenobiotico entri nel torrente circolatorio e sia poi distribuito nel sito d’azione che può essere anche molto distante dal sito di applicazione.


Författare: Anna Borghi.

Le nuove scienze cognitive hanno ormai abbandonato la «metafora del computer», secondo la quale la mente umana è paragonabile a un software la cui comprensione non richiede informazioni sull’hardware, il corpo. Viceversa, ci troviamo di fronte a un mosaico di proposte teoriche adottate in molteplici settori di ricerca – dalla psicologia sperimentale alla filosofia della mente – e accomunate dall’idea che la maggior parte dei processi cognitivi superiori avvenga mediante i sistemi di controllo del corpo agente. Una mappa chiara per orientarsi nel mondo della «embodied cognition».

Le principali vie con effetto sistemico sono le vie enterali e le vie parenterali. La via orale è la meno invasiva per il paziente ed è la principale via di assunzione della maggior parte dei farmaci. La via sublinguale e la via rettale, invece, non sono soggette all’effetto di primo passaggio ma presentano altre problematiche. La via sublinguale sfrutta l’elevata vascolarizzazione della cavità orale e permette una rapida diffusione del farmaco ma le molecole in questione devono essere sufficientemente lipofile e di basso peso molecolare per superare l’epitelio orale. La via rettale, anche se permette di evitare gli enzimi gastrici, presenta un assorbimento irregolare ed è principalmente utilizzata in ambito pediatrico. Lo stesso argomento in dettaglio: somministrazione parenterale.

Le vie parenterali sono tutte quelle vie di somministrazione dei farmaci diverse da quella gastro-intestinale. L’iniezione endoarteriosa è molto rara, ha un uso locale ed è praticata principalmente per i chemioterapici, ma anche per interventi chirurgici e per uso diagnostico. L’iniezione intramuscolare prevede l’iniezione di un farmaco direttamente nel tessuto muscolare. L’iniezione intradermica viene utilizzata soprattutto a scopo diagnostico, iniettando allergeni nel derma sottostante l’epidermide. Tramite iniezioni sottocutanee, invece, lo xenobiotico viene iniettato nel connettivo al di sotto della cute. Vanno anche menzionate le preparazioni nasali. Le vie topiche prevedono il contatto diretto del farmaco con il sito di azione, frequentemente la cute o le mucose, con minimo assorbimento da parte dell’organismo.

URL consultato il 3 gennaio 2012. Farmacologia Generale e Molecolare, di F. Questa pagina è stata modificata per l’ultima volta il 12 gen 2017 alle 01:43. Vedi le condizioni d’uso per i dettagli.