Filosofia e psicologia

Il contagio PDF

Questa voce o sezione sull’argomento medicina il contagio PDF cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti. Il termine si applicherebbe solo a malattie o condizioni patologiche contagiose. Febbre tifoide durante la guerra del Peloponneso, 430 a.


Författare: Michele Prestipino.

Forti dell’esperienza maturata alla procura di Palermo, Pignatone e Prestipino, in Calabria da due anni, hanno portato nel palazzo di giustizia del capoluogo calabrese i metodi investigativi messi a punto da Giovanni Falcone e Paolo Borsellino contro Cosa Nostra. Dopo anni di silenzi, d’inchieste azzoppate, di veleni negli uffici giudiziari, i due magistrati siciliani arrivano al cuore della ‘Ndrangheta, la più potente organizzazione criminale d’Italia. Prima di tutto riconoscendone l’unitarietà: un’unica ragnatela criminale, con una sola regia che ne dirige strategie e interessi. Nelle loro indagini Pignatone e Prestipino rivelano la faccia torbida delle relazioni tra la ‘Ndrangheta e il paese ufficiale: non soltanto imprenditori e politici, ma perfino ufficiali.

La febbre tifoide uccise un quarto delle truppe di Atene ed un quarto della popolazione, nel giro di quattro anni. Un’epidemia presumibilmente di vaiolo, portata dalle truppe di ritorno dalle province del Vicino Oriente, uccise cinque milioni di persone. La Peste Nera, a partire dal 1300. Ottocento anni dopo la strage di Costantinopoli, la peste bubbonica fece il suo ritorno dall’Asia in Europa. Pandemie di colera 1816-1826 Precedentemente confinata all’India, la malattia si diffuse dal Bengala fino alla Cina e al Mar Caspio.

1852-1860 principalmente diffusa in Russia, fece più di un milione di morti. 1863-1875 Diffusa principalmente in Europa e Africa. Russia ne fu di nuovo colpita duramente. 000 negli Stati Uniti e 200. Il testo selezionato deve essere comprovato da una fonte affidabile. Rilevata per la prima volta in Cina nel febbraio del 1957, raggiunse gli Stati Uniti nel giugno dello stesso anno, facendo circa 70. Il ceppo H3N2, emerso a Hong Kong nel 1968, raggiunse nello stesso anno gli Stati Uniti e fece 34000 vittime.

Un virus H3N2 è ancora oggi in circolazione. Non una vera e propria pandemia anche se il virus, proveniente dalla Cina, si diffuse a Hong Kong e di lì fino a Taipei, Singapore, Toronto e molte altre nazioni. L'”influenza A H1N1″, 2009-agosto 2010 Pandemia del Virus H1N1 denominata originariamente Influenza Suina perché trasmessa da questo animale all’uomo. Il suo focolaio iniziale ha avuto origine in Messico, estendendosi poi in soli 2 mesi a quasi 80 paesi. In Europa e paesi limitrofi, al 31-08-2009 i casi accertati sono 46. Un altro agente patogeno che creò ricorrenti pandemie nella storia umana fu il tifo, chiamato anche “febbre da accampamento” o “febbre navale” perché tendeva a diffondersi con maggiore rapidità in situazioni di guerra o in ambienti come navi e prigioni.

L’incontro fra gli esploratori europei e le popolazioni indigene di altre zone del mondo spesso fu causa di epidemie e pandemie violentissime. Il vaiolo uccise metà della popolazione di Hispaniola nel 1518, e seminò il terrore in Messico intorno al 1520, uccidendo 150. Moltissime sono anche le epidemie di cui restano testimonianze storiche ma delle quali è impossibile identificare l’eziologia. Questa pagina è stata modificata per l’ultima volta il 31 ago 2018 alle 22:04. Vedi le condizioni d’uso per i dettagli. In Italia dal 1 gennaio al 31 ottobre 2018 sono stati segnalati 2368 casi di morbillo e 19 casi di rosolia.

5 anni, di cui 153 avevano meno di 1 anno. In Italia dal 1 gennaio al 30 settembre 2018 sono stati segnalati 2295 casi di morbillo e 19 casi di rosolia. 5 anni, di cui 143 avevano meno di 1 anno. 2018 i casi di morbillo sono 2248, secondo un trend che fa registrare una diminuzione generale dei casi in tutto il Paese.

Regioni: Sicilia, Lazio, Calabria, Lombardia, Campania, Emilia Romagna e Toscana. Regione a non avere segnalato casi nel periodo indicato. Dal 1 gennaio al 30 aprile 2018, 18 Regioni hanno segnalato al Sistema nazionale di sorveglianza integrata morbillo e rosolia 1. 258 casi di morbillo, inclusi 4 decessi. Dal 1 gennaio al 31 marzo, 18 Regioni hanno segnalato al Sistema nazionale di sorveglianza integrata morbillo e rosolia 805 casi di morbillo. 5 anni, di cui 61 avevano meno di 1 anno. Dal 1 gennaio al 28 febbraio 2018, 16 Regioni hanno segnalato al Sistema nazionale di sorveglianza integrata morbillo e rosolia 411 casi di morbillo, inclusi 2 decessi.