Mente

Imparate da soli il gioco della carta PDF

Questa voce o sezione sull’argomento bridge non cita le fonti imparate da soli il gioco della carta PDF o quelle presenti sono insufficienti. Il bridge è un gioco di carte, diffuso a livello mondiale, di cui si organizzano tornei, nazionali e internazionali, campionati mondiali e olimpiadi. Il gioco è composto di due fasi, la dichiarazione e il gioco della carta vero e proprio. Ogni giorno vengono organizzate numerosissime competizioni di bridge duplicato a vari livelli, dai piccoli tornei serali nei club ai campionati nazionali e mondiali.


Författare: Jacques Delorme.

Secondo alcuni il termine “bridge” deriverebbe dal fatto che fra i due compagni di una coppia si crea, mediante la licitazione o dichiarazione, un “ponte comunicativo” e da questo “ponte” sarebbe appunto derivato il termine. Secondo altri esperti di etimologia, il termine bridge deriverebbe da biritch, termine russo di un gioco di carte del XIX secolo, giudicato da alcuni antesignano del bridge moderno. Un’ulteriore teoria dell’etimologia della parola è quella della derivazione dall’arabo biric che significa “banditore”. Antenato del bridge è il “Whist”, praticato in Inghilterra dal XVI secolo e molto diffuso a partire dall’Ottocento.

In Italia durante il fascismo fu chiamato “Il Ponte” come riportano manuali degli anni trenta. Il bridge moderno nasce in Italia quando Eugenio Chiaradia, soprannominato ‘o professore per la sua magistrale capacità di gioco e di analisi, rivoluzionò il gioco con il sistema che, assegnando un significato convenzionale all’apertura di “1 Fiori” e in onore della sua città, fu chiamato “Fiori napoletano”. Il bridge si gioca tra 4 giocatori con un mazzo da 52 carte francesi. I giocatori che giocano insieme e formano una coppia si siedono uno di fronte all’altro. L’ordine gerarchico delle carte, dalla più alta alla più bassa, è il seguente: asso, re, donna, fante, 10, 9, 8, 7, 6, 5, 4, 3, 2.