Umorismo

L’acquisizione e l’utilizzo di immobili da parte della P.A.. Espropriazione per pubblica utilità e strumenti alternativi PDF

Il sito raccoglie e pubblica gratuitamente tesi di laurea, dottorato e master. In questa sezione sono pubblicati e liberamente consultabili numerosi l’acquisizione e l’utilizzo di immobili da parte della P.A.. Espropriazione per pubblica utilità e strumenti alternativi PDF di corsi universitari, riassunti di libri usati per superare gli esami, dispense, paper, schemi riassuntivi.


Författare: Marco Morelli.

Nell’affrontare il tema dell’utilizzo e dell’acquisizione di beni immobili da parte della P.A., l’opera riserva ampio spazio all’istituto dell’espropriazione per pubblica utilità, esaminato in tutti i suoi profili, sia di ordine sostanziale che procedurale. La trattazione dei vari passaggi della procedura ablativa è arricchita da costanti richiami alla più recente giurisprudenza di merito, di legittimità e costituzionale, alla normativa regionale di volta in volta intervenuta, nonché dall’esame di casi pratici, ritenuto particolarmente utile agli operatori di settore. Uno spazio particolare è riservato agli effetti delle sentenze della Corte Costituzionale 181/2011 e 338/2011 in tema di valore agricolo medio e dichiarazione ICI nonché all’esame dell’istituto dell’acquisizione di immobili illegittimamente occupati dalla P.A. di cui all’art. 42-bis d.P.R. 327/2001. L’opera analizza inoltre altri istituti funzionali all’acquisizione di beni immobili da parte della P.A., quali l’usucapione, la dicatio ad patriam, le servitù di uso pubblico da tempo immemorabile, nonché strumenti specifici di acquisizione della titolarità di strade e piazze.

Iscriviti a Tesionline per essere avvertito della pubblicazione di nuovi materiali di tuo interesse. Ho letto l’informativa sull’utilizzo dati personali. 302 del 29 dicembre 2005 – Supplemento ordinario n. Per l’anno 2006, il livello massimo del saldo netto da finanziare resta determinato in termini di competenza in 41.

000 milioni di euro, al netto di 7. 077 milioni di euro per regolazioni debitorie. Tenuto conto delle operazioni di rimborso di prestiti, il livello massimo del ricorso al mercato finanziario di cui all’articolo 11 della legge 5 agosto 1978, n. 468, e successive modificazioni, ivi compreso l’indebitamento all’estero per un importo complessivo non superiore a 2. Per gli anni 2007 e 2008 il livello massimo del saldo netto da finanziare del bilancio pluriennale a legislazione vigente, tenuto conto degli effetti della presente legge, è determinato, rispettivamente, in 31. 700 milioni di euro ed in 20. 800 milioni di euro, al netto di 3.

176 milioni di euro per l’anno 2007 e 3. 000 milioni di euro ed in 210. I livelli del ricorso al mercato di cui ai commi 1 e 2 si intendono al netto delle operazioni effettuate al fine di rimborsare prima della scadenza o ristrutturare passività preesistenti con ammortamento a carico dello Stato. A decorrere dall’anno finanziario 2006, i maggiori proventi derivanti dalla dismissione o alienazione del patrimonio immobiliare dello Stato sono destinati alla riduzione del debito. A questo fine i relativi proventi sono conferiti al Fondo di ammortamento del debito pubblico di cui all’articolo 2 della legge 27 ottobre 1993, n. A decorrere dall’anno 2006 le dotazioni delle unità previsionali di base degli stati di previsione dei Ministeri, concernenti spese per consumi intermedi, escluso il comparto della sicurezza pubblica e del soccorso, sono rideterminate secondo gli importi indicati nell’elenco 1 allegato alla presente legge.