Storia

L’amante di sua maestà PDF

Preghiere del Mattino nel Libro delle preghiere comuni, ed è ancora in uso presso molte Chiese riformate. Nel momento della morte di papa Giovanni Paolo II, le poche persone presenti anziché recitare una preghiera tradizionale per i morti, hanno intonato in forma spontenea e non preparata un Te Deum di ringraziamento “per la ricchezza di quella l’amante di sua maestà PDF”. Diversi autori si contendono la paternità del testo.


Författare: Penny Jordan.

Dall’analisi letteraria, l’inno si può dividere in tre parti. La prima, fino a Paraclitum Spiritum, è una lode trinitaria indirizzata al Padre. Letterariamente è molto simile a un’anafora eucaristica, contenendo il triplice Sanctus. La seconda parte, da Tu rex gloriæ a sanguine redemisti, è una lode a Cristo Redentore. L’ultima, da Salvum fac, è un seguito di suppliche e di versetti tratti dal libro dei salmi.

Solitamente viene cantato a cori alterni: presbitero o celebrante e il popolo. Latino Te Deum laudamus: te Dominum confitemur. Te aeternum patrem, omnis terra veneratur. Tu ad dexteram Dei sedes, in gloria Patris.

Aeterna fac cum sanctis tuis in gloria numerari. Et rege eos, et extolle illos usque in aeternum. Tutta la terra venera Te, eterno Padre. A Te tutti gli angeli a Te le potenze del cielo e dell’universo a Te i Cherubini e i Serafini, cantano con voce incessante: “Santo, Santo, Santo il Signore Dio degli eserciti. I cieli e la terra sono pieni della maestà della tua gloria. Noi ti lodiamo, Dio, ti proclamiamo Signore. O eterno Padre, tutta la terra ti adora.

A te cantano gli angeli e tutte le potenze dei cieli: Santo, Santo, Santo il Signore Dio dell’universo. I cieli e la terra sono pieni della tua gloria. Che non tremi innanzi a te. Sempre adora il re del ciel.