Tempo libero e stile di vita

La bella addormentata PDF

Il 13 maggio 1888, l’allora direttore dei teatri imperiali Ivan Vsevoložskij scrisse a Čajkovskij riguardo alla propria idea di allestire un nuovo balletto, basato sulla fiaba di Charles Perrault de La bella addormentata, proponendo al compositore di scriverne la musica. Bisogna la bella addormentata PDF però il 1896 perché il balletto giunga in Italia, al Teatro alla Scala di Milano: l’allestimento milanese fu anche il primo allestimento ad essere eseguito al di fuori della scena pietroburghese.


Författare: Charles Perrault.

1946, Londra, Royal Opera House debutto, eseguito dal Sadler’s Wells Ballet. 1992, Basilea Teatro di Basilea rielaborato da Youri Vámos con nuovi racconti che includono Anna Anderson e la sua pretesa di essere la Gran Duchessa Anastasia. Il cast originale della prima assoluta del balletto, Atto I. Al centro è Carlotta Brianza come Aurora.

La prima del balletto ricevette riconoscimenti più favorevoli de Il lago dei cigni da parte della stampa, ma Čajkovskij non ebbe mai la soddisfazione di vedere il suo lavoro diventare un successo immediato nei teatri al di fuori della Russia. La produzione montata alla Scala di Milano nel 1896 ebbe più di ventiquattro repliche e anche quella prodotta dai Balletti Russi nel 1921 a Londra ottenne ampi consensi. Nel 1999 il Balletto del Mariinskij ricostruì la produzione del 1899 curata da Aleksandr Gorskij, con le riproduzioni di scene e costumi. Video, la versione del 1999 “autentica” è disponibile solo in brevi estratti a partire dal 2007. La bella addormentata è il balletto più lungo di Čajkovskij, della durata di quasi quattro ore a piena lunghezza – contando anche gli intervalli. Alla première lo zar Alessandro III convocò Čajkovskij nel palco imperiale. Lo Zar fece la semplice osservazione Bellissimo, che sembra abbia irritato il compositore, che probabilmente si aspettava un responso più favorevole.

Carlotta Brianza and Paul Gerdt in the 1890 production of the Sleeping Beauty by the Mariinsky Theatre. Alla corte del re Florestano viene indetta una festa per il battesimo della principessa Aurora: vengono invitati cavalieri, dame e le fate buone del regno, che portano con loro doni per la principessa. Al giardino del castello si festeggia il sedicesimo anno di età della principessa, dopo che ogni fuso è stato bandito dal regno e il suo uso vietato severamente. Carabosse, travestita da vecchia mendicante, porge un fuso alla principessa. Incuriosita dall’oggetto mai visto, Aurora tocca la punta del fuso e sviene: la fata dei Lillà interviene e ricordando il suo dono, trasforma la morte in sonno. Gli invitati si addormentano e il castello viene avvolto da rovi e circondato da un fitto bosco.