Tempo libero e stile di vita

La filosofia e le sue storie. L’età contemporanea PDF

Risorgimento nazionale e che sono state conciliate sia con la tradizione cattolica che con la filosofia hegeliana. Per la filosofia e le sue storie. L’età contemporanea PDF le loro due filosofie bisogna metterle in rapporto al positivismo, al marxismo, al cattolicesimo e all’hegelismo.


Författare: .

Fichte, Schelling e soprattutto Hegel disegnano, agli inizi dell’Ottocento, i grandi sistemi del pensiero idealista che culminerà con la rivoluzione materialista di Marx, con il positivismo e le filosofie che, come quella di Schopenhauer e Nietzsche, metteranno in crisi le grandi visioni unitarie del pensiero. L’Ottocento è anche l’età della scienza, con Darwin, la logica formale, la rivoluzione della termodinamica e le geometrie non euclidee e il secolo in cui si sviluppano le scienze umane: linguistica, antropologia, psicologia, sociologia. La filosofia novecentesca, segnata dalle riflessioni sul linguaggio, si articola nella pluralità delle grandi tradizioni, dal neokantismo alla fenomenologia, dallo storicismo alla filosofia analitica, dal neoidealismo all’esistenzialismo, dalla psicoanalisi ai marxismi, dalla semiotica allo strutturalismo, dalle teorie sull’intelligenza artificiale alle riflessioni contemporanee su etica e giustizia, sino alle neuroscienze cognitive e alla bioetica.

In Italia, industrialmente ancora molto debole e priva di colonie significative, il primo positivismo s’era manifestato in Lombardia con Cattaneo e Ferrari, la cui linea politica di un’Italia federale era uscita sconfitta durante l’unificazione. Riguardo al cattolicesimo, entrambi lo considerano inferiore alla filosofia idealistica e non amano alcuna forma di clericalismo politico, ma ritengono anche che un intellettuale non possa non essere cattolico, quindi rifiutano gli sviluppi ateistici della Sinistra hegeliana. Riguardo all’hegelismo, la riforma che compiono mira a dare concretezza a una filosofia che a loro appare troppo astratta e metafisica. Di qui l’interesse di Croce per la storia, la letteratura e l’estetica, e l’interesse di Gentile per la politica e l’istruzione scolastica e universitaria. A motivo di questa dura opposizione al positivismo e al socialismo, Croce e Gentile seppero creare un clima d’isolamento nel nostro paese, illudendo gli intellettuali che il loro neoidealismo fosse la migliore filosofia europea.

Nel periodo 1830-60 la filosofia italiana e il pensiero politico ufficiale si evolse sotto l’influsso del movimento di liberazione nazionale. In questo periodo vi furono vari pensatori progressisti come Pisacane e i rappresentanti del primo positivismo italiano: C. Essi appartenevano all’ala repubblicano-democratica del suddetto movimento e avanzarono idee progressiste come ad es. Malgrado il suo moderatismo politico generale, malgrado il fatto che non sia diventata la concezione del movimento democratico italiano, questa corrente fu, in parte, una delle forme in cui si espressero le forze progressiste.