Letterature lingua straniera

La porta delle tenebre PDF

Tenebre è un film del 1982 diretto da Dario Argento. C’era una sola risposta alla furia che lo torturava. E così commise il suo primo assassinio. Aveva la porta delle tenebre PDF il più profondo tabù e non si sentiva colpevole, né provava ansia o paura, ma libertà.


Författare: Glenn Cooper.

Questa voce o sezione sull’argomento film non è ancora formattata secondo gli standard. Contribuisci a migliorarla secondo le convenzioni di Wikipedia. Segui i suggerimenti del progetto di riferimento. Peter Neal, uno scrittore di romanzi gialli, si sta dirigendo in bicicletta verso l’aeroporto per prendere un volo per Roma.

Dopo essersi cambiato nel bagno dell’aeroporto si avvia all’imbarco per poi ricevere una telefonata dall’ex fidanzata Jane che però lo sta chiamando dall’aeroporto stesso. Il giorno dopo Peter conosce Maria, la figlia quattordicenne del portiere del palazzo, la quale va da lui per accendergli lo scaldabagno. Il killer lascia un’altra delle sue lettere mentre sia Peter che Anne sono in casa e quando la trovano corrono giù per intercettarlo, ma anche stavolta non ci riescono. La lettera contiene una frase in latino che lascia presagire che il killer abbia colpito ancora. Peter, con l’aiuto di Anne e Gianni, decide di mettersi seriamente alla ricerca del killer e lo scrittore ripensa alla conversazione avuta con Cristiano Berti, trovando strano il morboso interesse che il giornalista aveva per Tenebrae e i temi trattati nel romanzo. Decide così di appostarsi fuori dalla casa di Berti seguito da Gianni e mentre quest’ultimo si avvicina per vedere meglio improvvisamente va via la luce e una voce dice “Le ho uccise tutte io! Dopo che Peter va via Bullmer apre una porta nascosta del suo ufficio da cui esce Jane, con il quale l’agente letterario aveva una storia clandestina.

Peter e Gianni vanno alla casa del killer, ora una scena del crimine, dove Germani interroga nuovamente Peter su Berti e viene fuori la personalità ossessiva del giornalista, per il quale Peter e il suo lavoro erano diventati una sorta di ossessione. Argento ha rivelato che la genesi di Tenebre è stata influenzata da uno spiacevole incidente accadutogli nel 1980 quando venne molestato da un fan ossessivo. Secondo quanto dichiarato da Argento, l’ammiratore lo perseguitava telefonandogli di continuo, giorno dopo giorno, fino a quando gli confessò di volerlo uccidere. A dispetto del suo titolo, Argento diede disposizione al suo operatore Luciano Tovoli di girare le scene del film con la maggiore luce possibile. Girato principalmente a Roma, molte delle scene del film sono ambientate di giorno, o in interni fortemente illuminati. Nonostante la produzione italiana, quasi tutti gli attori del film recitarono in inglese per incrementare le possibilità di successo internazionale del film negli Stati Uniti.

Solo successivamente, per il mercato nazionale, il film venne doppiato in italiano. La scena dell’uccisione di Jane, interpretata da Veronica Lario, futura moglie di Silvio Berlusconi, fu pesantemente tagliata per la prima visione televisiva, avvenuta nel marzo 1986 su rete Fininvest, come ultimo appuntamento di una rassegna del cinema argentiano. A causa dell’estrema violenza di alcune scene, e di alcune tematiche per l’epoca scabrose, Tenebre uscì nelle sale con il divieto ai minori di 18 anni. Molte location esterne del film appartengono al quartiere romano dell’Eur, e sono a pochi passi da un isolato nel quale, undici anni prima, Dario Argento aveva filmato alcuni esterni di 4 mosche di velluto grigio.

La scena dell’omicidio di Bullmer è stata invece girata al centro commerciale “Le Terrazze” di Casal Palocco. Questa voce o sezione sull’argomento film horror non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti. Questa voce o sezione sull’argomento film è ritenuta da controllare. Per Tenebre, come per la maggior parte dei suoi thriller, Dario Argento scrive soggetto e sceneggiatura. Come rilevano alcuni critici, nel film si ha una sperimentazione sui modelli della detective story: mediante l’emulazione, l’arte diventa vita, rivelando la sua natura di vita sublimata.

Il film andò bene al botteghino italiano, piazzandosi al 16º posto degli incassi della stagione cinematografica 1982-83. Circola in Italia, seppure stampata in un numero limitatissimo di copie, un’edizione non autorizzata in super 8. Il gatto a nove code, i cui diritti per la stampa in super 8, vennero ufficialmente acquistati dalla Sil. Nella sequenza del bar, ad un certo punto si sente in sottofondo la colonna sonora di Zombi di George A.