Arte e spettacolo

Le lettere scarlatte PDF

Piero Mazzinghi: Bardi, collega del prof. Profondo Rosso è un film del 1975 diretto da Dario Argento. Durante una conferenza sui fenomeni telepatici, Helga Ulmann, una sensitiva tedesca, percepisce che tra il pubblico è presente un omicida. Le lettere scarlatte PDF conferenza conclusa, la medium confida al dottor Giordani suo collega, di conoscere l’identità dell’assassino il quale si trova ancora nel teatro e li spia.


Författare: Ellery Queen.

La sua fedele segretaria, Nikki, gli ha chiesto un favore: difendere Marta Lawrence dal marito Dlrk, un giallista violento e follemente geloso, convinto che la moglie lo tradisca. Così Ellery Queen si trova a dover dimostrare l’innocenza della donna. Sembra un compito facile, ma il detective scopre che, contrariamente alla sua prima impressione, Marta ha davvero qualcosa da nascondere. Un segreto che si cela forse nelle misteriose lettere scarlatte che un maturo dongiovanni le invia invitandola a strani appuntamenti in diversi luoghi della città di New York. Cosa significano veramente quelle missive?

A casa, Helga viene trucidata con una mannaia da macellaio: il soggetto vestito in nero con impermeabile e cappello agisce sotto l’influsso di una nenia infantile in sottofondo. Il pianista jazz inglese Marc Daly, che abita nello stesso stabile, è testimone dell’epilogo del delitto insieme all’amico Carlo, soggetto depresso e alcolista. Dalla finestra della medium il pianista vede allontanarsi il colpevole in nero. Villa del bambino urlante, come riportato nel saggio “Fantasmi di oggi e leggende nere dell’età moderna”.

Ritornato a casa, Daly viene a sapere della morte di Giordani: decide quindi di lasciare Roma invitando Gianna, ormai la sua compagna, a partire con lui per la Spagna. Marc, osservando meglio la foto della Villa, nota che una finestra è stata murata. Telefona a Carlo ma gli risponde la madre. Lascia un messaggio a Gianna e, arrivato alla villa, entra e abbatte il muro divisorio di una stanza segreta.

Hulmann, scopre che il quadro che lo turbava non era che uno specchio in realtà, e quando gli era passato di fronte, senza farci caso aveva visto riflesso il volto del reale omicida. Marc cerca di scappare, ma viene raggiunto e ferito da Marta, e durante la colluttazione, la collana della donna s’impiglia nell’inferriata dell’ascensore. Marc preme il pulsante di chiamata e l’ascensore, tirando con sé la collana, decapita la donna, ponendo finalmente fine alla serie di efferati omicidi. Profondo Rosso nasce, come altri film di Argento, durante le battute finali della realizzazione della sua opera precedente, l’atipico Le cinque giornate.