Arte e spettacolo

Primo giorno di scuola PDF

Javascript non è primo giorno di scuola PDF su questo browser. Per utilizzare al meglio tutte le funzioni del sito ti consigliamo di abilitare javascript oppure di visitare il sito con un altro browser.


Författare: Rita Stecconi.

Primo giorno di scuola. Irene, 6 anni, è molto molto preoccupata, sta per avere un attacco di “mammite acuta”. Dovrà affrontare un mondo nuovo, pieno di misteri, segreti e chissà quali pericoli! Ma non è sola, nascosto ben bene nella tasca del grembiulino è con lei il suo coraggioso cavallino volante Pegghi, pronto a proteggerla! Età di lettura: da 6 anni.

Nell’ordinamento scolastico italiano, la scuola secondaria di secondo grado, comunemente detta scuola superiore o scuola media superiore, rappresenta il secondo ciclo di studio dell’istruzione obbligatoria. Dura normalmente cinque anni, dai 14 ai 19 anni. Lo stesso argomento in dettaglio: Storia dell’istruzione in Italia. Il liceo che venne creato per primo fu il classico, fondato nel 1859 e limitato inizialmente al solo Regno di Sardegna, quindi, con l’unificazione, fu esteso a tutta l’Italia. Nel 1911, per rinnovare e modernizzare il sistema liceale italiano, venne creato il liceo moderno, e chi aveva frequentato i primi tre anni di ginnasio poteva poi optare per il quarto ginnasio classico o per il quarto ginnasio moderno.

Lo stesso argomento in dettaglio: Progetto Brocca. Il progetto prevedeva 17 indirizzi di studio, e molti di essi sono rimasti attivi fino alla riforma Gelmini. Lo stesso argomento in dettaglio: Riforma Berlinguer. Questa riforma avrebbe abolito la suddivisione di scuole elementari, medie e superiori sostituendo il tutto con una struttura basata sui “cicli”. 6 ai 12 anni e altri sei anni di ciclo secondario per i ragazzi dai 12 ai 18 anni. Dopo un primo anno introduttivo, comune a tutti gli indirizzi, nel successivo biennio ancora molte materie sarebbero state in comune per permettere allo studente di capire quale indirizzo scolastico fosse migliore per lui e per facilitare il passaggio da un indirizzo all’altro.

Al termine del primo triennio, che concludeva l’obbligo, era previsto un esame introduttivo al triennio finale. Un altro cambiamento era la possibilità per lo studente in possesso di una licenza media di non proseguire il proprio corso di studi, con l’obbligo però ad una formazione professionale fino ai 18 anni al termine dei quali bisognava comunque conseguire un diploma. La riforma non è mai entrata in vigore: dall’anno scolastico 2003-2004 è in vigore la Legge 28 marzo 2003 n. 53 detta anche riforma Moratti, che ha ridisegnato in modo diverso l’intero sistema scolastico.

A questi ordini di scuole si aggiungeva l’istituto magistrale, introdotto dalla riforma Gentile, che aveva lo scopo di preparare il personale docente della scuola elementare. La durata originaria del corso era di quattro anni con accesso alla facoltà universitaria di Magistero. Lo stesso argomento in dettaglio: Riforma Moratti. Il ministro Giuseppe Fioroni nel 2006 ha abolito la riforma Moratti. Stato conclusivo, che prima della Riforma Berlinguer si chiamava “esame di Stato di maturità”. Con la finanziaria 2002, in vigore a partire dall’esame di Stato 2001-2002, si era infatti previsto che la commissione fosse composta da soli docenti interni, più un presidente esterno.