Società

Ri-uscire! PDF

Javascript non è abilitato su questo browser. Per utilizzare al meglio tutte le funzioni del sito ti consigliamo di abilitare javascript oppure di visitare il ri-uscire! PDF con un altro browser.


Författare: Stefania Guerra Lisi.

Oggi è una rivista italiana, edita da RCS Periodici. Nel febbraio 1939 il regime fascista impose la chiusura del settimanale Omnibus. Longanesi, colpito da ostracismo, non poteva più firmare nessun articolo, tanto meno apparire come direttore di una rivista. Oltre al bando di Longanesi, il governo, per garantirsi un giornale allineato al regime, impose di nominare alla direzione della nuova rivista due giovani. Il periodico si costruì una propria reputazione, non benvoluto – comunque tollerato – dal regime. Le uscite continuarono fino al 31 gennaio 1942. Ducci concludeva asserendo che le forze nemiche apparivano superiori.

L’ambasciatore tedesco in Italia, Mackensen, protestò ufficialmente. Finita la guerra, si ebbe il rilancio definitivo. Angelo Rizzoli era ancora il proprietario della testata. A partire dal 1946 apparve una serie di servizi fotografici sugli avvenimenti più drammatici degli anni recenti.

Tra essi, un reportage su un campo d’internamento tedesco per militari italiani. Questi servizi portarono la tiratura a raggiungere le 30. 000 copie, iniziando un trend che proseguì negli anni successivi. Il settimanale ebbe una vendita media di 100.

Oggi toccò il record di mezzo milione di copie. Nel 1962 Oggi approda stabilmente al colore. Tra le prime copertine a colori vi è quella sulla scomparsa di Marilyn Monroe dell’agosto 1962. Nell’agosto 1966 la tiratura superò per la prima volta il milione di copie: direttore era Vittorio Buttafava. Negli anni, Oggi ha sempre mantenuto alti livelli di vendita, collocandosi, tra le riviste d’attualità per il largo pubblico, tra i giornali più venduti. Dal febbraio 2010 il direttore di Oggi è Umberto Brindani, al quale si deve il più recente restyling grafico, nel maggio 2011.