Dizionari e opere di consultazione

Su un pianeta PDF

Interpreti su un pianeta PDF personaggi Walter Pidgeon: dott. La trama è vagamente ispirata alla commedia teatrale La tempesta di Shakespeare.


Författare: Costantino Belmonte.

Su un pianeta accade tutto, compreso il viaggio di questa lettura. Dai primi Fotogrammi della creazione, dove la vita si prepara in acque calde e limpidissime, si passa per cinque sezioni lungo le scene del mondo con i suoi incontri, le lacerazioni, i dubbi e le domande sulla bellezza e sull’arte e sui legami che trascorrono tutto il libro. Ma dopo i grandi affreschi, lo sguardo sul pianeta si accorge dei cambiamenti non visti, della lenta opera delle inezie. E in uno spazio di nuovo buio, nell’universo, due figure sole, due entità opposte sono attratte dal loro appuntamento, per la creazione di un distacco o di un’unione nuovi – o di un altro pianeta, immaginato o vero.

Dal 2013 è conservato nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti d’America. XXIV secolo, l’incrociatore spaziale C-57-D, al comando di John J. Adams, è inviato in missione sul pianeta Altair IV, quarto della stella Altair, alla ricerca di sopravvissuti della spedizione Bellerofonte, giuntavi vent’anni prima e della quale non si hanno notizie. Sbarcati, giunge ad accoglierli una vettura condotta dal robot Robby che reca il comandante e i secondi alla residenza di Morbius.

Egli è un anziano studioso filologo, unico superstite della spedizione Bellerofonte poiché tutti gli altri sono stati uccisi da una “forza misteriosa”, a eccezione di sua moglie, deceduta successivamente per cause naturali. Morbius ammonisce che i nuovi arrivati possano risvegliare la forza e infatti una notte l’impianto trasmettitore viene misteriosamente danneggiato. Su pressione del comandante Adams, Morbius rivela parte delle sue scoperte, di come il pianeta fosse stato abitato da una razza aliena nobile e potente chiamata Krell, eticamente e tecnicamente più progrediti. Farman tenta di sedurre una troppo ingenua Alta, subendo la ramanzina del comandante, e nel frattempo il tecnico delle comunicazioni Quinn resta ucciso. Il mostro invisibile ha lasciato delle impronte sul terreno e il medico Ostrow riesce a riprodurre da esse un calco in gesso di un piede deforme munito di un mostruoso artiglio, deducendo la natura antropoide. Morbius, apertamente ostile a divulgare i suoi studi, attribuisce il misfatto alla forza misteriosa risvegliatasi, ammonendo il comandante ad abbandonare il pianeta.

La notte successiva l’equipaggio subisce l’attacco diretto del mostro praticamente invisibile e che si manifesta nel suo orrore alla luce dei fasci di energia. La creatura viene respinta a stento con un tributo di vittime, tra cui il tenente Farman. Adams e Alta, ora innamorati, discutono su come persuadere Morbius ma nel frattempo, a loro insaputa, il dottore si è sottoposto all’apparecchio subendo uno shock fatale. Prima di spirare egli rivela la ragione della scomparsa dei Krell e la natura dell’entità assassina. Il comandante, alla luce dei nuovi elementi, comprende come l’entità origini dalla mente di Morbius, il quale sottoponendosi all’esperimento per potenziare la propria mente, generò a suo malgrado il mostro, artefice dello sterminio della spedizione. Lo studioso, con ogni probabilità, temeva che gli altri scienziati potessero condividere e detenere le conoscenze dei Krell e inconsciamente Morbius voleva essere il solo a possederle. Oramai consapevole della propria responsabilità, Morbius affronta il suo demone rinnegandolo e restandone ferito mortalmente.

Prima di morire, egli spiega loro come azionare un congegno a tempo di autodistruzione. Dallo spazio i sopravvissuti assistono all’esplosione del pianeta dei Krell. Il film trae liberissima ispirazione alla commedia shakespeariana La tempesta. Altaira, gli spiriti Ariel e Calibano con il robot Robby. Leslie Nielsen e Anne Francis nel trailer del film. Lo stesso argomento in dettaglio: Robby il robot. Il robot Robby fu l’oggetto scenico cinematografico più costoso mai costruito all’epoca e ispirò la produzione di numerosi giocattoli.

Robby ispirò i programmatori della Bethesda Softworks per la creazione dei robot Protettori nel videogioco Fallout 3. Robby è il primo robot della storia del cinema a rispettare le Tre leggi della robotica di Isaac Asimov postulate nel 1941-42. Questa sezione sull’argomento film è solo un abbozzo. Contribuisci a migliorarla secondo le convenzioni di Wikipedia. L’edizione italiana del doppiaggio venne effettuata dalla ODI di Roma. La prestigiosa MGM dispiega un grande apparato produttivo nobilitando un genere in quegli anni considerato “minore”.

Nella vicenda si respirano – è stato detto spesso – le atmosfere della shakespeariana “Tempesta”, e degli eroi solitari ed “eretici” di Jules Verne, di cui il personaggio di Morbius è nobile epigono. Rompendo con i meccanismi abituali del genere, Il pianeta proibito presenta un interessante accostamento ai temi della psicanalisi e propone una riflessione, ancora molto attuale, sulla incapacità dell’uomo nel gestire la conoscenza. Una grande novità fu l’uso della musica elettronica per la colonna sonora, composta da Louis e Bebe Barron. Sebbene lodata dalla critica, la loro colonna sonora fu esclusa dalle candidature agli Oscar per una disputa sorta con la Federazione Americana Musicisti, a cui i Barron non erano iscritti. La colonna sonora completa venne tuttavia pubblicata per la prima volta solamente nel 1976, vent’anni dopo l’uscita del film, da Planet Records in LP con numero di catalogo PR-001. L’album è stato in seguito ristampato numerose volte nel corso degli anni, sia in LP, sia in MC e CD, da diverse altre case discografiche. Musiche di Louis Barron, Bebe Barron.

Nothing Like This Claw Found in Nature! Locandina del film Il robot e lo Sputnik del 1957, spin-off de Il pianeta proibito. Dal film fu tratto un romanzo omonimo a opera di W. Stuart, pubblicato nello stesso anno di uscita del film. Rispetto al film il libro approfondisce maggiormente la vicenda dei Krell e il rapporto tra questi e Morbius. Lo stesso argomento in dettaglio: Il robot e lo Sputnik. Nel 2008 fu annunciato un remake del film, su sceneggiatura J.

Michael Straczynski, e con Joel Silver come produttore con il patrocinio della Warner Bros. La neutralità di questa voce o sezione sugli argomenti film e fantascienza è stata messa in dubbio. Mancano le fonti a comprovare che queste opere siano influenzate da Il pianeta proibito. Per contribuire, correggi i toni enfatici o di parte e partecipa alla discussione. Non rimuovere questo avviso finché la disputa non è risolta. Questa voce o sezione sugli argomenti film di fantascienza e fantascienza non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti. Il film risultò suggestivo per gli spettatori per l’ambientazione totalmente aliena e per i macchinari rappresentati.