Famiglia, salute e benessere

Un’antica saggezza PDF

Questa voce o sezione sull’argomento Antica Grecia non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti. Puoi migliorare questa voce aggiungendo citazioni un’antica saggezza PDF fonti attendibili secondo le linee guida sull’uso delle fonti.


Författare: (Rinpoche) Gyatrul.

Tenendo presente la vita del praticante laico, che riserva un piccolo spazio alla meditazione, il venerabile Gyatrul Rinpoche propone tre testi della tradizione nyingma che si riferiscono appunto alla meditazione seduta, alla vita quotidiana e al sonno. Il primo testo, Trasformare felicità e avversità nel sentiero spirituale, del grande studioso e mahasiddha Jigme Tenpe Nyima, contiene istruzioni pratiche su come modificare il proprio atteggiamento di repulsione nei confronti delle avversità, considerandole invece preziosi aiuti per progredire sul sentiero. Il secondo testo, Liberarsi dall’illusione fondamentale, di Lochen Dharma Shri, insegna a divenire coscienti dei sogni e a guidarli, mantenendo ininterrottamente la consapevolezza e prendendo atto della natura illusoria sia dello stato onirico, sia dello stato di veglia. L’insensibilità e il torpore che la mente sperimenta nello stato di sogno sono molto simili agli stadi di dissoluzione che hanno luogo durante il processo della morte. Addestrarsi nello yoga del sogno è quindi una pratica eccellente per raggiungere l’illuminazione nei primi stadi del periodo intermedio, senza reincarnarsi più nell’esistenza ciclica. Infine, il terzo testo, L’illuminazione della saggezza primordiale, di Sua Santità Dudjom Rinpoche, è un manuale dzogchen per praticare la meditazione di quiete e visione profonda (shamatha e vipassana).

Atene fu una città-stato, la prima nella storia dell’umanità ad adottare un sistema politico democratico. Secondo il mito di fondazione, Atene fu fondata nel III millennio a. Poseidone e Atena, i quali però successivamente iniziarono a litigare su chi di loro avrebbe dovuto dare il proprio nome e la propria protezione alla città. Atene fu fondata nel III millennio a.

Greco συν οικεω, “abitare insieme”, spontaneo processo di aggregazione di 12 villaggi fondati, secondo la leggenda, dal mitico re Cecrope. L’organizzazione sociale prevede, anche ad Atene, in età “mitica” che il comando fosse in mano al re. 9 arconti, che furono prima dei magistrati eletti a vita per poi trasformarsi in una carica decennale fino al 682 a. Al re rimasero da svolgere le funzioni religiose e di presiedere all’areopago, perché il comando militare supremo passò in mano ad un arconte, mentre gli incarichi civili e giudiziari furono presieduti dall’arconte affiancato dai tesmoteti. Le nove cariche andavano a formare il collegio dei 9 arconti, il cui incarico era annuale e tutti di estrazione nobiliare.

Gli altri arconti tramandavano le leggi a voce cercando di conquistare sempre più potere. Lo stesso argomento in dettaglio: Dracone. Dracone ad assumere i pieni poteri. Lo stesso argomento in dettaglio: Solone. La città conobbe una grande espansione economica e il popolo iniziò a pretendere di partecipare alla vita politica ateniese.

Si rivolsero allora a Solone, incaricandolo di dare una nuova sistemazione all’ordinamento cittadino. Lo stesso argomento in dettaglio: Tiranni di Atene. Gli aristocratici riuscirono ad esiliarlo, ma l’anno successivo il 546 a. Maratona con un esercito di mercenari e riprese il potere dopo la vittoria di Pallene. Alla morte di Pisistrato il potere passa ai figli Ippia e Ipparco.

Ipparco viene ucciso e nel 510 a. Lo stesso argomento in dettaglio: Democrazia ateniese. Attica viene suddivisa in dieci tribù che eleggono ognuna cinquanta delegati al Consiglio. Lo stesso argomento in dettaglio: Clistene. Clistene suddivise il territorio dell’Attica in trenta distretti, chiamati trittie.

Il peso degli aristocratici risultò notevolmente sminuito, perché si trovarono suddivisi in diverse tribù. Nella società greca classica ebbe molta importanza l’istruzione militare e ad Atene, come in maggior parte delle poleis consisteva in due anni di addestramento. In caso di guerra i nominativi dei chiamati alle armi venivano affissi nell’agorà e comprendevano in genere gli uomini con età inferiore ai 50 anni, ma se c’era la necessità potevano essere utilizzati gli uomini fino ai 60 anni e poi gli efebi. 000 opliti, più altre forze militari. Lo stesso argomento in dettaglio: Guerre persiane. Negli anni successivi, Atene viene attaccata come tutta la Grecia dall’Impero persiano.