Società

Wu Ming PDF

Altri solleveranno il capo, altri diserteranno. Wu Ming a partire dal 1996, Q reca la wu Ming PDF  Si consente la riproduzione parziale o totale dell’opera e la sua diffusione per via telematica, purché non a scopi commerciali e a condizione che questa dicitura sia riprodotta. Il romanzo si apre nel 1555, a Costantinopoli.


Författare: Gaia De Pascale.

La storia dei Wu Ming è una storia che vale la pena raccontare. Non tanto, o non solo, perché la loro scrittura ha lasciato segni ben visibili nel panorama letterario italiano, o per lo scossone che le azioni di Luther Blissett prima, e i libri di Wu Ming dopo, hanno dato a certa cultura pigra e salottiera, appisolata nelle ritmiche scadenze di vecchi sperimentalismi e nuovi premi. Ma anche, e soprattutto, perché le storie che raccontano ci appartengono per davvero. Sono nostre, siamo noi. Nate da un lavoro collettivo, prese dalla collettività e a essa restituite, le narrazioni di Wu Ming si sporcano le mani nel fango che tutti abbiamo attraversato, senza consolazione e senza retorica. Ed è proprio scavando nella melma di un passato al quale non ci si può più permettere di fare sconti che la speranza riesce nuovamente a emergere, a imporsi su qualunque sconfitta”.

Il protagonista ricorda la sua vita iniziando a leggere il diario di Q con in mano varie reliquie di quelle che sono state le sue battaglie. Dopo molte ore, quando al calar della notte i lanzichenecchi hanno lasciato la città, il protagonista esce allo scoperto e riesce ad uccidere un manipolo di mercenari e prendere i loro abiti per potersi spacciare per uno di loro tornato vittorioso dalla “paga più facile della sua carriera”. Dopo la partenza di Müntzer da Wittenberg, il protagonista ed il suo amico Martin Borrhaus, detto Cellario, iniziano a diventare sempre più insofferenti verso Lutero, vendutosi ai principi, e all’arrivo dei cosiddetti “profeti di Zwickau” decidono di andare a cercare Müntzer in Turingia. Ad Halle, il protagonista incontra Elias, il quale poi gli presenta Thomas Müntzer e sua moglie Ottilie von Gersen, che da allora faranno parte di un gruppo indivisibile. Nel 1521 Müntzer e i suoi sono ad Allstedt, dove il Magister con i suoi sermoni appoggia i contadini nell’assalto ad un convento di francescani usurai, che però gli mette contro l’esattore Zeiss, subordinato al Principe Elettore di Sassonia, che lo convocano per parlare delle sue idee religiose. Müntzer e i suoi vanno allora a Mühlhausen dove incontrano Heirich Pfeiffer, un predicatore che sta incitando i borghigiani alla rivolta contro i ricchi mercanti detentori del potere politico.

Hut offre loro ospitalità a Bibra e lì Müntzer decide di dividere il gruppo per poter distribuire più fogli volanti possibili e cercare di tirare dalla loro parte i contadini ed i minatori della Turingia per cercare di rientrare e prendere Mühlhausen. Cogliendo l’occasione di una fiera, i contadini e i minatori entrano in massa a Mühlhausen e, insieme ai borghigiani, riescono a prendere la città. La città viene riorganizzata abolendo tutti i privilegi mentre giungono notizie di rivolte dalle città limitrofe. Müntzer decide di marciare con 300 compagni sulla piana di Frankenhausen, mentre manda Denck a cercare rinforzi.

Il giorno della partenza, mentre si dirige al molo della nave, intravede un gruppo di soldati spagnoli che pestano uno in un vicolo per rappresaglia dovuta all’uccisione qualche giorno prima di un soldato spagnolo, decide di passare avanti ma dalla nave più vicina scendono altri spagnoli che lo picchiano selvaggiamente, senza ucciderlo, ma lasciandolo per strada svenuto. Quando si risveglia, è stato salvato e curato da un copritetti, Lodewijk Pruystinck, detto Eloi, che gestisce una casa comune con i soldi che riesce ad avere da ricchi mercanti che appoggiano la sua causa. Dopo la disfatta di Frankenhausen e il periodo trascorso da Vogel, il protagonista assume il nome di Lucas Niemanson e arriva ad Augusta, dove incontra Denck per un’adunata dei superstiti, ivi compreso il libraio Hans Hut. A Strasburgo, Cellario fornisce al protagonista una nuova identità: Lienhard Jost, marito ritornato dalla Germania di Ursula Jost, altra donna in fuga dal passato misterioso. Con Ursula il rapporto va ben oltre la finzione: i due infatti iniziano una relazione poco dopo essersi conosciuti.